Quanto è importante la formazione in azienda?

  • 23 Gennaio 2022

    Quanto è importante la formazione in azienda?

    By Sara Caneponi, Professional Advisor A.Q.A Network

    E’ sotto gli occhi di tutt* che il mondo sta attraversando cambiamenti radicali sotto vari punti di vista tutti in relazione tra di loro; sta, di fatto, mutando il punto di osservazione di varie tematiche globali, quali ad esempio, l’ecologia e tutto ciò che riguarda l’utilizzo dell’energia, l’alimentazione, la tecnologia, il concetto di welfare e di sostenibilità, intelligenza emotiva e relazionale.

    Tutto questo porta a due conclusioni dirette:

    1. la persona è il centro di tutte le tematiche globali accennate sopra e, di conseguenza, la diretta interessata e beneficiaria del “nuovo” modo di approcciare questi temi. La persona sta sempre di più comprendendo che la sensibilità a temi di portata globale è fondamentale per uno sviluppo sano dell’umanità;
    2. la seconda impatta, inevitabilmente e per diretta conseguenza, sul modo in cui si affronta il concetto di organizzazione, di approccio al business e di persona al lavoro.

    E’ su questo secondo punto, senza perdere di vista la premessa, che vorrei spendere due parole.

    Sempre di più le aziende stanno comprendendo che la realtà imprenditoriale è una organizzazione di tipo sistemico, cioè un essere vivente a tutti gli effetti composto ed influenzato dagli esseri viventi (le persone) che lo compongono e, per questa ragione, sempre in mutamento ed evoluzione.

    Ciò significa che le risposte che le organizzazioni sono in grado di dare rispetto ai cambiamenti esterni dipende direttamente dalla reazione delle persone che le compongono.

    E’ per questo motivo che investire sulla crescita professionale e personale degli individui che compongono l’organizzazione diventa un fattore strategico importantissimo.

    Oltre ad incrementare le competenze tecniche (le c.d. hard skills), gli imprenditori sono chiamati anche a porre l’attenzione ad un altro fattore: le soft skills.

    Le competenze trasversali riguardano le modalità con cui le persone si relazionano agli altri e all’ambiente. Ecco perché la capacità di risposta dell’azienda dipende direttamente anche dalle qualità delle persone che la vivono e la abitano e non solo dalle loro competenze tecniche tout court.

    Ampi studi di provenienza americana hanno dimostrato che c’è una relazione imprescindibile tra sentimenti (cioè la c.d. intelligenza emotiva di una persona) e competenze tecniche e che le prime influenzano le seconde, non il contrario.

    Ecco perché serve conoscere in che modo le emozioni influenzano le capacità lavorative di un team, così come quelle di un leader.

    Le dinamiche di team sono determinate, nella maggior parte dei casi, da dinamiche di tipo emotivo. Il riconoscere un leader, il saper comprendere il punto di vista di un collega, saper gestire momenti di pressione senza andare nel conflitto sono tutti aspetti di una conoscenza di sè stessi e del funzionamento emotivo del proprio team di appartenenza che fa sì che tutto questo possa essere gestito e superato, diminuendo, così, i cosiddetti costi indiretti derivanti dall’emotività non gestita.

    In quali modi delle dinamiche relazionali non conosciute e gestite possono inficiare negativamente sulla performance di un team?

    Quando i componenti di un team sono molto diversi tra di loro può accadere che ci siano molte incomprensioni (una persona si aspetta una determinata risposta comportamentale che però non avviene perchè l’altro/a in verità ha un modo differente di vivere e vedere la situazione e quindi reagisce e agisce una risposta comportamentale diversa); questo porta un clima di non detti, di conflitto e di scontento che porta quel team a non essere efficiente, ad essere disorganizzato, porta le persone di quel team ad essere scontente e frustrate.

    Una soluzione in questi casi è lavorare in sessioni formative che portino allo svelamento di queste dinamiche comportamentali e ad aiutare le persone a comunicare meglio tra di loro rispettando i diversi registri comunicativi.

    Questo era solo un esempio.

    Concludendo, le persone, l’interazione delle loro biodiversità e la loro crescita personale e professionale sono fattori strategici importantissimi oggi per essere competitivi sul mercato attuale.

    Investire sulle persone e le loro competenze diviene esigenza primaria per innovare, crescere e creare valore.

    Noi di A.Q.A Network progettiamo percorsi formativi per la vostra organizzazione; contattateci!

    Comments(0)

    Leave a comment

    10 − 7 =

    Required fields are marked *

Newsletter
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato