Evento Team Building residenziale – LAVORARE SUI VALORI AZIENDALI PER PROIETTARSI NEL FUTURO

  • 25 Ottobre 2021

    Evento Team Building residenziale – LAVORARE SUI VALORI AZIENDALI PER PROIETTARSI NEL FUTURO

    By Fabio Rossi e Alessandro De Chellis, Business Partner A.Q.A Network

    Nel week end del 01 e 02 ottobre 2021 il network è stato coinvolto in un lavoro di facilitazione di un team di manager, di una importante realtà Abafoods ECOTONE https://www.abafoods.com/it/  sui propri valori aziendali e come questi possono proiettare l’azienda nel futuro.

    Il lavoro ha rappresentato una sfida importante sia per la rilevanza dell’azienda (realtà del mondo food bio e sostenibile con caratura internazionale) sia perché si doveva lavorare su coloro che poi avrebbero dovuto trasmettere questi valori ai propri collaboratori in quanto team leader.

    Lo scenario è stato quello della magnifica isola di Albarella, in provincia di Rovigo, che ha fatto da sfondo ai lavori che i nostri facilitatori Fabio Rossi ed Alessandro De Chellis hanno strutturato per questo residenziale.

    Tutta l’attività è stata impostata in maniera esperienziale utilizzando diverse tecniche e strumenti che hanno consentito una esplorazione molto profonda del “presente” aziendale, del set di valori che la direzione ha elaborato e su come fare in modo, attraverso questi, che l’azienda si proietti nel futuro.

    Il lavoro aveva la finalità di far provare, vivere e toccare con mano il “senso” dei valori aziendali che, nello specifico, sono:

    • cooperazione;
    • responsabilità;
    • agilità;
    • imprenditorialità.

    I facilitatori hanno creato un programma di lavoro molto intenso iniziato il venerdì mattina e terminato il sabato pomeriggio svolto sia in aula sia sfruttando le bellezze naturali dell’Isola di Albarella.

    Le persone sono state chiamate a lavorare in “metafora”, rispetto alle dinamiche reali dell’azienda, e sapientemente condotte poi verso delle riflessioni di retrospettiva che le hanno fatte ragionare su come effettivamente mettere “a terra” quanto elaborato.

    Durante le due giornate sono stati programmati 18 differenti momenti di esercizio, riflessione, gioco e condivisione di esperienze.

    Tutti gli interventi sono stati progettati sui bisogni dell’azienda committente per costruire un percorso di esperienze, un “viaggio” di emozioni, sensazioni in grado di toccare il cuore ed aprire la mente dei partecipanti.

    I momenti di sperimentazione e riflessione sono stati costruiti con esercizi di movimento e di lavoro di gruppo.

    Sono state programmate attività di “costruzione”, di “movimento”, di “riflessione guidata”, di “improvvisazione teatrale” di “visual design” per vivere e condividere l’esperienza dei valori in gioco.

    Tutte le attività sono state progettate tenendo conto delle differenze tra i partecipanti, le difficoltà, le paure e le speranze, in modo da creare un clima accogliente e protetto che ha permesso a tutti di mettersi in gioco e partecipare, superando differenze di genere, ruolo, gerarchia e i conflitti tra i reparti.

    Tra gli strumenti e le tecniche utilizzate anche il Lego@ Serious Play@ con il quale i partecipanti hanno lavorato in tre momenti principali:

    • attività sui valori di cooperazione e responsabilizzazione, svolta mediante un esercizio che ha richiesto ai partecipanti di dividersi in due gruppi, capitanati da due leader, che hanno dovuto costruire una nave, avente caratteristiche molto precise, attraverso appunto la cooperazione e il senso di responsabilità dei propri leader nel coordinarsi e riportare alle persone le corrette indicazioni ricevute dal facilitatore;
    • attività sui valori imprenditorialità ed agilità, svolta mediante un esercizio di costruzione di un villaggio immaginario (che fosse eco sostenibile, funzionale, moderno, vivibile) mediante un sistema a staffetta ove ognuno dei partecipanti, senza conoscere la visione del collega precedente, ha dovuto mettere la propria idea di villaggio (priorità, concetto di funzionalità, ecc.) dovendosi adattare in maniera agile alle scelte del collega precedente;
    • riflessioni sul pensiero divergente e come questo sia un asset fondamentale per migliorare il modo in cui si affrontano situazioni, dinamiche e processi aziendali comuni facendolo diventare l’elemento di valore nelle relazioni.

    Il fattore dominante di tutta l’attività è stata la centralità delle persone e come queste, con le proprie diversità, possano spingere e rinforzare l’evoluzione aziendale.

    Il lavoro è stato intenso, con momenti di grande divertimento e altri di profonda riflessione. Si sono lasciati ai partecipanti molti spunti di riflessione da portarsi in azienda e su cui iniziare a riflettere e ragionare concretamente per poter trasformare un set di valori a cui ispirarsi in driver aziendali per il futuro.

    Noi di A.Q.A Network ringraziamo questa importante realtà della fiducia e dei feedback positivi ricevuti dalla HR Manager Sara Macchion.

    Comments(0)

    Leave a comment

    sei − cinque =

    Required fields are marked *

Newsletter
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato