Norme in materiale di responsabilita’ sociale: la SA 8000 e la UNI ISO 26000

  • 19 settembre 2019

    Norme in materiale di responsabilita’ sociale: la SA 8000 e la UNI ISO 26000

    by Giampietro Zanon, Business Partner A.Q.A. Network

    Nell’ affollato mondo degli standard internazionali, capita a volte di fare un po’ di confusione fra norme certificabili e linee guida. In questo articolo proviamo a fare un po’ di chiarezza e proponiamo qualche esempio concreto.

    Affinché una norma sia certificabile è necessario che un soggetto, terzo e indipendente, sia dotato di uno specifico accreditamento che gli permetta di rilasciare un documento attestante lo stato di conformità di una organizzazione rispetto ai requisiti contenuti nella norma. Ad esempio, un ente di certificazione può emettere un certificato in cui dichiara che l’azienda X è conforme allo standard ISO 9001, relativo ai sistemi di gestione della qualità. Altri schemi di certificazione noti, oltre alla ISO 9001, sono la ISO 14001 dedicata agli aspetti ambientali e la ISO 45001 dedicata alla salute e sicurezza sul lavoro. Un po’ meno nota, ma meritevole di essere citata, è la SA 8000, norma internazionale sulla responsabilità sociale d’impresa, che approfondiremo fra poco.

    Una linea guida, invece, è un documento contenente informazioni, presentate in modo logico e basate sulle conoscenze attuali, scritto per facilitare l’adozione di un comportamento desiderato.

    Per semplificare, si dice a volte che le norme certificabili sono le norme del “deve”, mentre le linee guida sono quelle del “dovrebbe”, intendendo che una norma certificabile prescrive una serie di comportamenti, ai quali l’organizzazione che intende certificarsi è tenuta a conformarsi, mentre la linea guida si limita a suggerire delle pratiche corrette.

    La situazione appena descritta calza a pennello se prendiamo ad esempio la norma SA 8000 e una delle sue linee guida, la UNI ISO 26000.

    La SA 8000 “Social Accountability”, giunta ormai alla quarta edizione (giugno 2014), è uno standard internazionale certificabile redatto dal SAI, Social Accountability International, e volto a disciplinare alcuni aspetti della gestione aziendale attinenti alla responsabilità sociale d’impresa (frequentemente abbreviato in CSR, dall’inglese Corporate Social Responsibility), fra cui in particolare:

    • il rispetto dei diritti umani,
    • il rispetto dei diritti dei Lavoratori,
    • la tutela contro lo sfruttamento dei minori,
    • le garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro.

    La SA 8000, in definitiva, ha come obiettivo il miglioramento delle condizioni lavorative a livello mondiale.

    Ci piace qui ricordare che fra le 4.266 aziende attualmente certificate SA 8000, compaiono ben 1.665 realtà italiane. Seguono l’India con 1.226 aziende e la Cina con 713, e via via altre 59 nazioni (dati aggiornati al 30/06/2019; fonte: www.saasaccreditation.org).

    Alla SA 8000 si può affiancare, ma in nessun modo sostituire, la UNI ISO 26000 “Guida alla responsabilità sociale” (novembre 2010). Essa fornisce una linea guida per tutte le tipologie di organizzazioni, indipendentemente dalle loro dimensioni e localizzazioni, su vari aspetti che spaziano dai concetti e termini relativi alla responsabilità sociale, alla identificazione e coinvolgimento degli stakeholder, fino alla misura delle performance.

    La UNI ISO 26000 è stata scritta per aiutare le aziende a contribuire allo sviluppo sostenibile, incoraggiarle ad andare al di là del mero rispetto delle leggi, e promuovere una comprensione comune nel campo della responsabilità sociale. Non è una norma di sistema di gestione e non è destinata a fini di certificazione.

    Alla UNI ISO 26000 si affianca, infine, una Prassi di Riferimento, la UNI/PdR 18:2016 “Responsabilità sociale delle organizzazioni – Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000” (aprile 2016), che fornisce spunti utili a trarre il maggior vantaggio in termini economici, di competitività e di sostenibilità.

    In questo panorama, certamente complesso e a volte non facile da districare, A.Q.A Network, grazie all’esperienza ormai ventennale dei suoi partner, è in grado di affiancare efficacemente le aziende nell’adozione della SA 8000, proponendo applicazioni della norma ritagliate “su misura” sulle specificità delle diverse organizzazioni e senza impattare pesantemente sulla normale gestione aziendale.

    Comments(0)

    Leave a comment

    due × 3 =

    Required fields are marked *

Newsletter
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato