Benessere fisico, psicologico, relazionale delle risorse umane in azienda: tema chiave per lo sviluppo delle nostre PMI

  • 22 gennaio 2020

    Benessere fisico, psicologico, relazionale delle risorse umane in azienda: tema chiave per lo sviluppo delle nostre PMI

    By Joinlty, Business Partner A.Q.A. Network

    Perché il “benessere delle risorse umane” si sta affermando come centrale nel mondo aziendale?

    All’origine dell’interesse anche delle PMI ad investimenti in programmi di “wellbeing” (azioni per far stare bene le persone in azienda), è determinato dalle potenziali e riconosciute efficienze gestionali. Un ambiente sereno e salubre contrae la tendenza all’assenza e riduce conseguentemente gli oneri connessi alla malattia ed agli avvicendamenti, talvolta estremamente complicati nelle piccole realtà

    L’impresa essendo luoghi in cui trascorrono molto tempo possono porsi quali veicoli di informazioni e pratiche “positive” agevolando e favorendo buone prassi.

    La scienza medica ha infatti riscontrato come buona parte delle patologie riscontrabili trovino origine o aggravamento a seguito del prolungarsi di stili di vita e abitudini alimentari non corretti.

    Si è riscontrato come un ambiente “confortevole” inoltre favorisca la permanenza in azienda delle risorse più valide, situazione che permetta la riduzione dei costi di individuazione di sostituti come la possibilità di valorizzare i processi di addestramento interno. La presenza di programmi per il benessere può annoverarsi tra i principali strumenti di fidelizzazione del personale, apprezzati particolarmente dai giovani, pronti a ridefinire con maggiore frequenza i propri programmi di carriera.

    Il 77% delle aziende ritenute dal quotidiano economico “Il Sole24ore” Top Employer, realtà aziendali estremamente desiderate dai giovani, hanno nei fatti adottato politiche di gestione del “Corporate Wellbeing”.

    L’efficacia di ogni programma di benessere interno è conseguente ad un approccio strategico da parte del management. È fondamentale che l’analisi e le azioni messe in campo si indirizzino contemporaneamente al benessere fisico, quello psicologico e relazionale, ingredienti indispensabili al raggiungimento di adeguato benessere organizzativo in azienda e quindi innovazione, efficacia nella gestione criticità ed incremento qualitativo.

    Esiste una ricetta per attivare il benessere interno?  

    Il raggiungimento di un “clima di benessere” è risultato di una serie di azioni che necessitano di gestori capaci di credere che certe condizioni possano agevolare la sostenibilità dell’impresa.

    Oltre ad un basilare piano di formazione e di comunicazione interna è necessario avviare un processo articolato che metta in relazione politiche di organizzazione, di valorizzazione delle diversità, di welfare e di mobility aggiungendo continuamente piccoli miglioramenti.

    Attraverso l’uso della tecnologia, possono essere garantiti pure servizi quali il counseling psicologico e coach possono essere messi a disposizione on line in videocomunicazione.

    Parallele alle iniziative di condivisione di attività ludiche nelle quali fare team building, gioco di squadra, si devono aggiungere mettono in campo strumenti utili a liberare gli operatori problematiche, impegni e talvolta difficoltà personali che minano l’efficienza del processo produttivo. Attraverso il welfare aziendale si possono offrire servizi che cercano di conciliare vita lavorativa e vita privata nella gestione dei figli o dei familiari non autosufficienti, nonché nella risoluzione delle pratiche burocratiche quotidiane. L’obiettivo è limitare il livello di stress degli operatori derivato da cause extra-aziendali.

    Sulla scia dell’offerta di servizi andrebbero valutate e rese concrete politiche per facilitare un’organizzazione flessibile e non gerarchica.

    I consulenti del network A.Q.A per favorire la competitività delle PMI italiane accompagnano gli imprenditori illuminati ad avviare politiche di valorizzazione delle risorse interne.

     

    Comments(0)

    Leave a comment

    5 × 5 =

    Required fields are marked *

Newsletter
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato